Huawei entra di peso nel mercato del cloud

Huawei si sta preparando ad entrare nel mercato del cloud computing in grande stile svelando il chipset di elaborazione dati AI più veloce al mondo e impegnandosi a spendere 1,5 miliardi di dollari mentre cerca di reclutare più sviluppatori di software possibile.

La nuova impresa del colosso tecnologico cinese competerà con rivali locali come Alibaba e Tencent, nonché con Amazon, Google, Microsoft e altre società statunitensi di cloud computing. Mentre Huawei è il più grande produttore di apparecchiature di telecomunicazione al mondo e il secondo produttore di smartphone, la società è ancora “giovane” nel settore del cloud computing, dove è entrata solo due anni fa.

Il presidente del colosso cinese, Ken Hu, ha dichiarato che la compagnia spenderà 1,5 miliardi nei prossimi cinque anni, poiché ha l’obiettivo di espandere la sua base di sviluppatori dagli attuali 1,4 a 5 milioni. Hu ha fornito ulteriori approfondimenti sui piani di cloud computing dell’azienda in un comunicato stampa, dicendo:

“Il futuro dell’informatica è un enorme mercato del valore di oltre due trilioni di dollari. Continueremo a investire con una strategia che si concentra su quattro aree chiave. Spingeremo i confini dell’architettura, investiremo in processori per tutti gli scenari, manterremo chiari affari confini e costruire un ecosistema aperto “.

Huawei ha anche svelato quello che afferma essere il cluster di addestramento AI più veloce al mondo, l’Atlas 900. L’Atlas 900 è in realtà composto da migliaia di processori Ascend dell’azienda, motivo per cui è così potente.

Per dare un’idea di quanto sia potente l’Atlas 900, Huawei ha affermato che il training cluster AI richiede solo 59,8 secondi per addestrare ResNet-50, che è lo standard di riferimento per misurare le prestazioni di training AI. Il tempo di Atlas 900 è anche 10 secondi più veloce del precedente record mondiale.

Secondo Huawei, Atlas 900 offrirà nuove possibilità a diversi campi della ricerca scientifica e dell’innovazione aziendale, tra cui astronomia, previsioni meteorologiche, guida autonoma ed esplorazione petrolifera.

La società ha inoltre implementato il suo nuovo cluster di formazione AI su Huawei Cloud come servizio cluster per contribuire a rendere straordinaria la potenza di elaborazione più ampiamente accessibile ai suoi clienti in diversi settori.

Questa è una nuova era di esplorazione. Un oceano dal potenziale illimitato sta aspettando, ma solo una nave non la taglierà. Oggi lanciamo un migliaio di navi. Lavoriamo insieme, cogliamo questa opportunità storica e portiamo l’intelligenza a nuove altezze, “ha detto Hue quando ha concluso il suo discorso a Huawei Connect 2019