#Cloudwars – AWS si oppone alla scelta di Microsoft come fornitore cloud del Pentagono

Amazon Web Services ha presentato documenti per protestare contro la decisione del Pentagono di assegnare a Microsoft il contratto cloud per la Joint Enterprise Defense Infrastructure (Jedi), ha fatto sapere il ceo di Aws Andy Jassy (in foto) in una riunione della società del 14 novembre.

Una fonte interna all’azienda ha dichiarato che i documenti sono stati spediti a metà novembre. Un portavoce di Amazon ha confermato le notizie del Federal Times, aggiungendo che il materiale è stato depositato presso un Tribunale federale degli Stati Uniti.

In un video ottenuto dal Federal Times, Jassy ha dichiarato in una riunione a tutto campo con Amazon Worldwide che la società avrebbe “spinto il governo a far luce su ciò che è realmente accaduto”.

Jassy ha anche citato le pressioni politiche della Casa Bianca come interferenti nelle procedure contrattuali.

“Penso che quando hai un presidente in carica che è disposto a mostrare pubblicamente il suo disprezzo per una società e il leader di una società, è molto difficile per le agenzie governative tra cui il dipartimento della difesa di prendere una decisione obiettiva senza timore di rappresaglie”, ha detto Jassy.

Il cloud Jedi vale potenzialmente 10 miliardi di dollari in 10 anni.

“AWS ha un’esperienza unica e qualificata per fornire la tecnologia critica di cui le forze armate statunitensi hanno bisogno e rimane impegnata a sostenere gli sforzi di modernizzazione del dipartimento della difesa”, ha dichiarato un portavoce di AWS in una nota. “Riteniamo inoltre fondamentale per il nostro paese che il governo e i suoi leader eletti gestiscano gli appalti in modo obiettivo e libero dall’influenza politica. Numerosi aspetti del processo di valutazione JEDI contenevano evidenti carenze, errori e pregiudizi inconfondibili – ed è importante che queste questioni siano esaminate e corrette. “

Durante l’incontro, Jassy ha anche affermato che in un confronto tra la piattaforma cloud di Microsoft e AWS, AWS è stato il pioniere.

“Siamo piuttosto convinti che non sia stato giudicato equamente”, ha detto Jassy. “Penso che se fai un confronto approfondito, da mela a mela, un confronto oggettivo tra AWS e Microsoft non si possa dire che siano piattaforme comparabili. La maggior parte dei nostri clienti ci dirà che siamo circa 24 mesi avanti rispetto a Microsoft in termini di funzionalità e maturità”.