Previsioni 2020 sul cloud: tra nuove alleanze e problemi di sicurezza

L’anno scorso, Forrester aveva previsto che le imprese avrebbero iniziato a modernizzare le app del loro core business con il cloud computing nel 2019 e che la trasformazione fosse effettivamente decollata.

Il 2019 ha portato anche importanti acquisizioni nel mondo del cloud (IBM ha completato l’acquisizione di Red Hat e VMware ha riassorbito Pivotal) e sorprendenti nuove alleanze (Oracle ha collaborato con Microsoft su collegamenti ad alta velocità tra Oracle Cloud e Azure e VMware ha portato la sua Cloud Foundation su Google Cloud). Il panorama dei fornitori di cloud in continua evoluzione, però, sta cambiando di nuovo. Vediamoci chiaro.

Nel 2020, spiega Zdnet.com, vedremo il mercato del cloud pubblico, compresi le applicazioni cloud (SaaS), le piattaforme di sviluppo e dati (PaaS) e i servizi infrastrutturali (IaaS) combinati, crescere a 299,4 miliardi di dollari. Anche con una crescita più lenta all’orizzonte, si tratta di un enorme successo per un mercato in via di consolidamento e in via di sviluppo che sta per arrivare a mezzo trilione di dollari in pochi anni. Inoltre, attualmente, il 65% delle imprese nordamericane si affida a piattaforme cloud pubbliche e il 66% gestisce cloud privati ​​interni.

La nostra previsione è che i leader del cloud pubblico globale formeranno più alleanze mentre si concentreranno sui loro punti di forza fondamentali; i principali fornitori di app aziendali abbandoneranno le loro infrastrutture proprietarie; il calcolo ad alte prestazioni decollerà; l’affollato ecosistema di sviluppo nativo del cloud fornirà maglie di servizio e elaborazione senza server; e i fornitori di gestione del cloud si concentreranno sulla sicurezza dopo una violazione dei dati del cloud pubblico ben pubblicizzata.

Ecco tre punti chiave delle nostre previsioni sul cloud computing 2020:

IBM e Oracle si ritireranno in un territorio familiare mentre Alibaba minaccia Google. IBM e Oracle non usciranno dal mercato del cloud pubblico, ora dominato da AWS, Microsoft, Google e Alibaba. IBM si concentrerà sull’aiutare le aziende a utilizzare la piattaforma di sviluppo OpenShift di Red Hat – su qualsiasi cloud – per modernizzare le loro app. Oracle si concentrerà sui suoi prodotti SaaS e database autonomi, raccomandando Azure per servizi di sviluppo cloud per scopi generici come AI / machine learning, Kubernetes / container, Internet of Things e altre innovazioni emergenti. Oracle siglerà un contratto di connettività ad alta velocità con AWS o Google – deve servire i propri clienti. Alibaba genererà $ 4,5 miliardi di entrate dalla piattaforma cloud globale, superando Google, ma Google manterrà la sua posizione al terzo posto per i clienti nordamericani a causa della ridotta presenza di Alibaba in quella regione.

Lo sviluppo nativo del cloud open source combatte le maglie dei servizi di destinazione e senza server. Le centinaia di progetti open source e fornitori in cerca di attenzione da parte degli sviluppatori nell’ecosistema di sviluppo nativo del cloud porteranno una battaglia campale nel 2020. L’anno scorso, Kubernetes ha vinto la battaglia per l’orchestrazione dei container e ha lanciato una serie di nuove offerte commerciali che infrastrutture e operazioni solo ora stanno imparando come implementare, proteggere e operare. Le maglie di servizio promettono ancora più potenti reti interservizi, visibilità e sicurezza e serverless apre nuovi modelli di programmazione completamente sottratti alle preoccupazioni dell’infrastruttura. Sebbene nessuna soluzione abbia vinto, Istio si distingue oggi nello spazio delle maglie di servizio e Knative è una solida scommessa per serverless – ed entrambi saranno probabilmente consumati dalle aziende come parte di una piattaforma di sviluppo nativa cloud di AWS, Microsoft, Google, VMware / Pivotal o IBM / Red Hat.

I giocatori di gestione del cloud devono – e dovranno – affrontare la sicurezza del cloud. La violazione di Capital One in AWS ha attirato l’attenzione sulla prossima grande sfida di gestione del cloud: proteggere app e dati in un mondo cloud sempre più ibrido. I leader del cloud iperscale aumenteranno gli investimenti nelle loro offerte di sicurezza native, mentre i provider di gestione cross-cloud devono acquistare, costruire e / o acquisire capacità di sicurezza che vanno oltre la gestione delle identità e degli accessi. Le prime mosse sono iniziate nel 2019 quando VMware ha acquisito Carbon Black per infondere sicurezza in tutta la sua gestione cloud, virtualizzazione e prodotti container.

Il nostro rapporto completo sulle previsioni del cloud ti aiuterà a individuare le tendenze e a seguire i comunicati stampa per scoprire le principali tecnologie cloud necessarie per trasformare la tua attività e soddisfare i tuoi clienti.