Dropbox, rimpasto nel management via Google Cloud

L’assunzione è l’ultima mossa nel recente “rimpasto” del management team.

Dropbox Inc. ha nominato Olivia Nottebohm, executive di Google Cloud, per la carica di Chief Operating Officer che è rimasta vacante negli ultimi 16 mesi in un momento in cui il produttore di software di sincronizzazione dei file naviga in quello che considera la revisione del prodotto più grande nella storia dell’azienda.

Dropbox, che ha inventato il mercato dei software che sincronizzano e condividono file su Internet, sta cercando di ricreare la sua strategia attorno a un’app di spazio di lavoro chiamata Spaces che ospita i file Dropbox e lavora con software di produttività di aziende come Slack Technologies Inc. e Atlassian Corp. La strategia mette la società con sede a San Francisco in una più stretta concorrenza con Microsoft Corp. e l’ex datore di lavoro Alphabet Inc. di Google nella battaglia su quale software possiede più tempo e dispositivi dei lavoratori.

Nottebohm ha affermato che parte del suo ruolo sarà quello di vendere questo nuovo modello per Dropbox ai suoi clienti. Si aspetta che l’idea di aiutare gli utenti a combinare dati e attività da luoghi diversi in uno spazio di lavoro avrà un forte richiamo per i clienti che devono passare tra le varie app nella loro vita lavorativa e personale.

Come madre tutta la mia giornata è frammentata e cambio costantemente i frame“, ha detto. “La visione dello “sgombrare” in un ambiente di lavoro è un messaggio molto potente. Nei nostri clienti vediamo che cambiano continuamente frames e argomenti.”

La crescita dei ricavi di Dropbox è prevista dagli analisti in rallentamento nei prossimi due anni e lo stock rimane al di sotto del suo prezzo IPO 2018, con le azioni in calo di circa il 30% negli ultimi 12 mesi. L’amministratore delegato Drew Houston è alla ricerca di modi per ampliare il business da un’app di condivisione di file a una fetta più ampia del mercato globale dei software di produttività.

In Google Cloud, Nottebohm è stata vicepresidente responsabile delle vendite alle piccole e medie imprese, tra gli altri compiti. L’ex COO Dennis Woodside ha lasciato Dropbox a settembre 2018 dopo aver lavorato a progetti come l’espansione della forza vendita dell’azienda per indirizzare i clienti più grandi e la creazione di un proprio cloud per superare buona parte della sua archiviazione di dati dall’unità cloud Amazon Web Services di Amazon.com Inc. Quando Woodside se ne andò, la compagnia disse che il ruolo non sarebbe stato ricoperto.

L’assunzione di Nottebohm è l’ultima di una serie di cambi esecutivi a Dropbox nell’ultimo anno. Il mese scorso, il Chief Customer Officer Yamini Rangan si è dimesso. A ottobre, il Chief Technology Officer Quentin Clark è stato sostituito da Bharat Mediratta e la società ha nominato Timothy Young vicepresidente senior per il prodotto principale.